Il sito web di ITACA utilizza i cookie per migliorare i servizi e per fini statistici. Proseguendo la navigazione si accetta di ricevere i cookie. Se non si desidera riceverli si possono modificare le impostazioni del browser, ma alcuni servizi potrebbero non funzionare correttamente.

Informativa estesa sui cookie


Archivio

7/6/2021
Eletto il nuovo Consiglio Direttivo di ITACA 2021-2023
Nel corso dell’Assemblea dei Soci svolta lo scorso 3 giugno per l’approvazione del bilancio, sono stati eletti, su indicazione dei Presidenti delle Regioni e delle Province autonome, i componenti del Consiglio Direttivo ITACA con mandato triennale 2021-2023. Il Consiglio è l’organo di indirizzo politico e di amministrazione dell’Istituto, ed è costituito da un membro della Giunta di ciascuna Regione e Provincia autonoma ai sensi dell’art.19 dello statuto. Elisa De Berti, Presidente Itaca f.f. e Vicepresidente della Regione Veneto, nell’ambito della presentazione della relazione annuale sull’attività svolta dall’Istituto nel 2020, ha ringraziato i consiglieri uscenti e augurato buon lavoro ai nuovi membri del Direttivo. “Un anno quello trascorso – riferisce la De Berti – che malgrado l’emergenza sanitaria ha visto ITACA sempre impegnata in numerose attività, a supporto della Conferenza delle Regioni, grazie anche alla riorganizzazione del lavoro svolto a distanza”. L’Istituto si è infatti dimostrato capace di trasferire la propria azione dal mondo reale a quello digitale senza soluzione di continuità. L’Assemblea dei Soci ha anche nominato i membri del Collegio dei Revisori nelle persone di: Davide Scaglia (Presidente), Lorenzo Bertoli e Giovanni D’Antonio.

3/18/2021
PROTOCOLLO ITACA SINTETICO PER LA VALUTAZIONE DELLA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE A SCALA URBANA
Il contrasto al consumo di nuovo suolo, l’esigenza di riqualificare un patrimonio edilizio, per lo più di scarsa qualità, proprio delle periferie urbane, la maggiore consapevolezza del ruolo che le città possono svolgere quali attrattori di flussi economici, ma anche quali strumenti per il riequilibrio ambientale e la mitigazione degli effetti dei cambiamenti climatici, sono temi sempre più attuali che richiedono un profondo ripensamento delle azioni regionali al fine di rispondere alla sempre crescente domanda di qualificazione dello spazio urbano e di contribuire a creare le migliori condizioni per la fattibilità degli interventi di rigenerazione urbana. Nel corso del 2020, il rinnovato impegno a livello europeo e nazionale nello sviluppo delle politiche a favore della transizione verde e digitale caratterizzato dallo stanziamento di ingenti investimenti pubblici e fondi privati (new green deal), ha rappresentato un momento di forte impulso per ITACA nella evoluzione della versione originaria del Protocollo a scala urbana (2016). Il Consiglio Direttivo, nella seduta del 12 dicembre 2020, ha adottato, in via sperimentale, la nuova versione sintetica del Protocollo ITACA a Scala Urbana, elaborata nell’ambito di uno specifico gruppo di lavoro interregionale. Il Protocollo a scala urbana è dunque un sistema di analisi multicriteria che comprende tutti quei parametri legati al concetto di sostenibilità che vanno dal miglioramento energetico ed ambientale dell’organismo urbano, al contrasto del consumo di suolo, alla qualità degli spazi pubblici, alle connessioni ecologiche, alla sicurezza, al sistema di mobilità pubblica, alla complessità funzionale, alla capacità di rispondere alla domanda di integrazione sociale.

3/17/2021
CORSO DI FORMAZIONE PER ESPERTI PROTOCOLLO ITACA (40 ORE) RIVOLTO AI PROFESSIONISTI E TECNICI PA
Pubblicato l’avviso relativo al corso di formazione per Esperti del Protocollo ITACA (40 ore) organizzato dal Comitato Promotore del Protocollo ITACA, ai sensi del “Regolamento Corsi di formazione per Esperti UNI/PdR 13:2019 Rev.1 del 29/12/2020”. Il corso, rivolto ai professionisti e tecnici della pubblica amministrazione, è articolato in moduli teorico applicativi ed esercitazioni pratiche. Durante le lezioni saranno trattate le aree oggetto di valutazione della UNI/PdR Sezione 1 (edifici residenziali) e Sezione 2 (edifici non residenziali), illustrando le modalità di calcolo degli indicatori dei criteri e le modalità di redazione di una relazione di valutazione. L’obiettivo è quello fornire ai professionisti e tecnici PA gli strumenti e le conoscenze per effettuare la valutazione di sostenibilità ambientale di un intervento analizzando i vari aspetti che incidono sulle perfomance energetiche e ambientali dell’edificio: la collocazione e il sito di intervento, i materiali utilizzati, le soluzioni previste per il risparmio idrico ed energetico, il comfort ambientale indoor e l’attenzione verso i servizi e l’accessibilità.

2/1/2021
APPALTI PUBBLICI: D.L. Semplificazioni: indicazioni operative per l’applicazione delle norme in materia di contratti pubblici
Il decreto legge 16 luglio 2020, n. 76 «Misure urgenti per la semplificazione e l’innovazione digitale», così come convertito con legge di conversione n. 120/2020, ha introdotto numerose novità in materia di contratti pubblici, finalizzate a semplificare le procedure di affidamento e di esecuzione degli appalti per incentivare gli investimenti nel settore delle infrastrutture e dei servizi pubblici, per fronteggiare le ricadute economiche negative a seguito delle misure di contenimento dell’emergenza sanitaria globale del COVID-19. In tale contesto, si è ritenuto necessario provvedere alla redazione di indirizzi operativi volti a coadiuvare le Regioni e le Province autonome nell’applicazione di tali norme. In quest’ottica è stato realizzato, nell’ambito del Gruppo di lavoro contratti pubblici presso ITACA, il documento recante “DL Semplificazioni: indicazioni operative per l’applicazione delle norme in materia di contratti pubblici”, approvato il 17 dicembre 2020 dalla Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome.

12/30/2020
APPALTI PUBBLICI: COLLEGIO CONSULTIVO TECNICO – Prime indicazioni per la nomina dei componenti e del Presidente, ex art.6 legge 120/2020.
L’art. 6 comma 1 del decreto legge 76/20 (c.d. DL semplificazioni), convertito in legge 120/2020, prevede la costituzione obbligatoria del Collegio Consultivo Tecnico “fino al 31 dicembre 2021 per i lavori diretti alla realizzazione delle opere pubbliche di importo pari o superiore alle soglie di cui all’art. 35 del DLgs 50/2016”. Al fine di fornire un ausilio operativo alle Regioni e Province autonome è stato elaborato nell’ambito del GdL Contratti Pubblici di ITACA, un documento recante “Prime indicazioni per la nomina dei componenti e del Presidente del Collegio Consultivo Tecnico, ex art.6 legge 120/2020” approvate dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome nella seduta del 17 dicembre 2020. Il documento sarà oggetto di monitoraggio e verifica da parte di ITACA in ordine all’adozione e concreta applicazione dello stesso da parte delle regioni al fine di i individuare e superare possibili criticità applicative.

12/29/2020
Borsa di Studio Master APC intitolata ad Ivan CICCONI
Il consiglio direttivo del Master APC con l'obiettivo di analizzare, prevenire e contrastare la criminalità organizzata e la corruzione, giunto alla XI edizione, ha deciso di ricordare l'ing. Ivan Cicconi scomparso nel 2017, già direttore di Itaca, intervenuto nelle precedenti edizioni in qualità di docente, intitolando a lui una borsa di studio.

11/2/2020
Parte il primo corso per Esperti Nazionali Protocollo ITACA - PDR 13/2019
Il 16 novembre prossimo è previsto l'inizio del primo corso per Esperti Nazionali Protocollo ITACA - PDR 13/2019 organizzato dall'Ordine degli Ingegneri della Provincia di Genova. Il corso, approvato dal Comitato Promotore Protocollo ITACA e conforme al Regolamento Corsi Per Esperti Nazionali, è destinato a tutti i professionisti iscritti negli albi dei rispettivi ordini/collegi di appartenenza e consente l'iscrizione all'Elenco Esperti Nazionali Protocollo ITACA - PDR 13/2019. L'iscrizione a tale elenco e le altre caratteristiche relative all'esperienza professionale consentono poi di sostenere l'esame per l'acquisizione del titolo di Esperto in Edilizia Sostenibile. con CERTING, organismo conforme allo standard UNI CEI EN ISO/IEC 17024, ai sensi del DM 11 ottobre 2017 (CAM Edilizia).

10/29/2020
Terminata la prima sessione d'esame per il conseguimento del titolo di Esperto in Edilizia Sostenibile
Si è svolta il 21 ottobre scorso la prima sessione d'esame per il conseguimento del titolo di Esperto in Edilizia Sostenibile e che ha visto la certificazione dei primi 5 esperti. La figura dell'Esperto in Edilizia Sostenibile è frutto dell'accordo tra CasaClima, ITACA e Certing e si articola su tre livelli (Base, Avanzato e Master) e permette ai professionisti di vedere riconosciute le loro competenze nel settore dell'edilizia sostenibile secondo lo standard UNI CEI EN ISO/IEC 17024 come previsto dal DM 11 ottobre 2017 (CAM Edilizia).

10/12/2020
Pubblicate le prime FAQ relative alla certificazione di Esperto in Edilizia Sostenibile
Sono state pubblicate le prime FAQ elaborate da ITACA relative alla certificazione di Esperto in Edilizia Sostenibile.La figura dell'Esperto in Edilizia Sostenibile è frutto dell'accordo tra CasaClima, ITACA e Certing e il prossimo 21 ottobre si terrà la prima sessione d'esame per il conseguimento di tale titolo. In risposta ai numerosi quesiti giunti in queste settimane sono state redatte alcune FAQ contenute nel file allegato La nuova certificazione si articola su tre livelli (Base, Avanzato e Master) e permette ai professionisti di vedere riconosciute le loro competenze nel settore dell'edilizia sostenibile secondo lo standard UNI CEI EN ISO/IEC 17024 come previsto dal DM 11 ottobre 2017 (CAM Edilizia).

9/28/2020
Istituita la Certificazione di Esperto in Edilizia Sostenibile
Nasce grazie all'accordo tra CasaClima, ITACA e Certing, la prima certificazione italiana di Esperto in Edilizia Sostenibile. A partire dal prossimo 21 ottobre con la prima sessione d'esame sarà possibile ottenere la Certificazione di "Esperto in Edilizia Sostenibile". La nuova certificazione si articolerà su tre livelli (Base, Avanzato e Master) e consentirà ai professionisti che adottano i protocolli dei due enti nazionali, di vedere riconosciute le loro competenze nel settore dell'edilizia sostenibile secondo lo standard UNI CEI EN ISO/IEC 17024 come previsto dal DM 11 ottobre 2017 (CAM Edilizia) fra i criteri premianti. I requisiti per l'ottenimento della certificazione, oltre al titolo di studio ed alla relativa esperienza, sono, per quanto concerne il Protocollo ITACA, la qualifica di "Esperto" o di "Ispettore".