rss Primo Piano

ANAGRAFE NAZIONALE DELLE OPERE PUBBLICHE INCOMPIUTE 2013

In ottemperanza al Decreto del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti 13 marzo 2013 n.42, sono stati pubblicati i dati relativi all’aggiornamento, per l’anno 2013, dell’anagrafe delle opere incompiute. Il censimento nazionale è realizzato dal Ministero delle infrastrutture e trasporti - Direzione Generale per la regolazione e i contratti pubblici in collaborazione di tutte le Regioni e le Provincie autonome ed il supporto operativo di ITACA. La graduatoria nazionale ha fotografato una situazione di centinaia di investimenti in opere pubbliche attivati dalle amministrazioni che per cause diverse sono rimaste incomplete e quindi non fruibili dalla collettività, rappresentando un gravissimo sperpero di risorse pubbliche ed il mancato soddisfacimento dei bisogni della collettività a cui sono state destinate. La banca dati rappresenta anche uno strumento conoscitivo per una corretta programmazione degli interventi sia a livello nazionale che territoriale. I dati a disposizione evidenziano come le incompiute comunicate dagli enti locali e dal Ministero (per quanto attiene alle opere di rilevanza nazionale) ammontano a oltre seicento, e quasi un miliardo e mezzo di euro è l’importo presuntivamente necessario per portarle a conclusione. Ciò acquisisce notevole importanza anche in relazione alle risorse che il governo sta valutando di inserire in un prossimo provvedimento, per far ripartire grandi opere ed investimenti, considerati motore di crescita e occupazione.


Massimo Giorgetti Presidente di ITACA

Nel corso dell’ultima seduta del Consiglio Direttivo di Itaca svolta lo scorso 16 luglio, Massimo Giorgetti subentra ad Ugo Cavallera in qualità di Presidente facente funzioni. Massimo Giorgetti, assessore della Regione Veneto con delega ai Lavori pubblici, Energia, Polizia Locale e Sicurezza, svolgerà quindi le funzioni sino alla nomina del nuovo presidente che sarà designato dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome. Ugo Cavallera, ex vicepresidente della Regione Piemonte, ha presieduto ITACA dal 2001 al 2002 e dal 2011 al 2014. La composizione del Consiglio Direttivo di ITACA è aggiornata, inoltre, con la presenza di: Mauro Baccega, assessore della Regione Valle d’Aosta con delega alle Opere Pubbliche, Difesa del Suolo, Edilizia Residenziale Pubblica; - Luciano Vecchi, assessore della Regione Emilia-Romagna con delega alle Attività Produttive, Piano Energetico, Economia Verde; - Francesco Balocco, assessore della Regione Piemonte con delega ai Trasporti, Infrastrutture, Opere Pubbliche, Difesa del Suolo; - Luciano D’Alfonso, Presidente della Regione Abruzzo; - Domenico Pesenti, Segretario Generale FILCA/CISL.


Le novità in materia di appalti pubblici: dal decreto legge n. 90/2014 al percorso di recepimento delle direttive UE

In riferimento al decreto legge 24 giugno 2014, n.90, recante “Misure urgenti per la semplificazione e la trasparenza amministrativa e per l’efficienza degli uffici giudiziari” in corso di conversione, la Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome ha espresso, in data 10 luglio, parere favorevole, presentando contestualmente taluni emendamenti al testo prodotto dal Governo. Tra le proposte emendative più rilevanti occorre segnalare che, in relazione alle funzioni attribuite all’Autorità nazionale anticorruzione (art. 19 del decreto-legge), le Regioni ritengono sia indispensabile operare una netta distinzione tra i compiti di vigilanza e di contrasto alla corruzione da attribuire all’ANAC ed i compiti di carattere “gestionale” di regolazione, da riportare nell’alveo delle attribuzioni tipiche del Ministero. Oltre a ciò, un più razionale utilizzo delle potenzialità delle sezioni regionali dell’Osservatorio che operano capillarmente nelle varie realtà territoriali, potrebbe migliorare ed efficientare le attività proprie dell’ANAC.


Riforma degli appalti pubblici – Audizione ITACA in Commissione Ambiente della Camera dei Deputati

ITACA è stata udita lo scorso 16 giugno dalla Commissione Ambiente della Camera dei Deputati in merito alla riforma degli appalti pubblici alla luce delle nuove direttive europee in materia. L’Istituto ha posto soprattutto l’attenzione sul fatto che il sistema attuale degli appalti è soffocato da un eccesso di normazione e dalla sovrapposizione di adempimenti informativi a carico delle stazioni appaltanti. I punti tracciati da Itaca in ordine alle criticità del sistema nazionale dei contratti pubblici hanno riguardato, in particolare: − riordino normativo, coordinamento e chiarezza delle norme; − riordino delle stazioni appaltanti; − semplificazione e razionalizzazione delle procedure di affidamento dei contratti pubblici; − revisione del sistema dei controlli; − oneri informativi delle stazioni appaltanti; − attività di vigilanza.


DECRETO LEGGE 66/2014 – ANALISI DELLE NUOVE NORME ATTINENTI AI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

In riferimento al decreto legge 24 aprile 2014, n.66, (Misure urgenti per la competitività e la giustizia sociale) in corso di conversione, nell’ambito del Gruppo di lavoro “Aggregazione della committenza pubblica” presso ITACA è stato predisposto un documento di analisi in merito specifico alle norme riguardanti gli affidamenti di contratti pubblici. In particolare, si ritiene che dette misure, volte alla riduzione della spesa pubblica, soprattutto per quanto riguarda l’acquisizione di beni e servizi attraverso l’aggregazione della domanda, seppur condivisibile nei suoi principi ispiratori, determineranno seri problemi strutturali, organizzativi e procedurali alle amministrazioni aggiudicatrici operanti sul territorio, ed in particolar modo ai comuni ed alle regioni, con il forte rischio di contrazione della domanda pubblica che, inevitabilmente, ripercuoterà i suoi effetti sul mercato degli appalti e del lavoro. Viene auspicato pertanto, anche sulla base del parere espresso dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome che ha avanzato alcune proposte emendative, una proroga dei termini della norma ovvero l’assegnazione ad un nuovo provvedimento dell’attuazione dei nuovi obblighi, altrimenti inapplicabili, onde consentire alle Regioni di strutturare e/o istituire i nuovi soggetti aggregatori previsti ed, agli enti del territorio, di definire operativamente un sistema organizzativo ed amministrativo idoneo a consentire una coerente aggregazione della domanda.


Presentata la Relazione annuale 2013 sull’attività svolta da ITACA

In occasione dell’Assemblea dei Soci di ITACA tenuta lo scorso 16 aprile per l’approvazione del bilancio consuntivo 2013 e preventivo 2014 è stata presentata la Relazione annuale sull’attività svolta dall’Istituto per il 2013 e su quanto programmato per il 2014. L’operato dell’Istituto è rivolto prevalentemente al settore delle costruzioni, perno fondamentale per lo sviluppo dell'economia italiana. In particolare, l’attività di ITACA, organo tecnico a supporto della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome nella sua funzione istituzionale, ha riguardato con prevalenza il settore degli appalti pubblici attraverso la realizzazione di strumenti di ausilio per le stazioni appaltanti per la gestione delle gare e dei contratti pubblici.


Comunicato del Comitato Promotore “Protocollo ITACA”

Chiarimenti in ordine ai corsi di formazione per la qualificazione professionale di cui al Regolamento RT-33 ACCREDIA.


Appalti Pubblici. Pubblicate le nuove direttive UE

Sono state pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea L 94 del 28 marzo 2014, le nuove tre direttive comunitarie in materia di appalti pubblici, settori speciali e concessioni. Le direttive entreranno in vigore il 17 aprile 2014. A partire da tale data, gli Stati membri avranno 24 mesi per trasporre le disposizioni delle nuove norme nel diritto nazionale.
La Direttiva 2014/24/UE sugli appalti pubblici, che abroga la direttiva 2004/18/CE, composta da 94 articoli e allegati, stabilisce norme sulle procedure per gli appalti indetti da amministrazioni aggiudicatrici, per quanto riguarda appalti pubblici e concorsi pubblici di progettazione il cui valore è stimato come non inferiore a: (segue)


archivio >>

rss News

Nuovo Prezzario delle Opere Pubbliche in Regione Piemonte

31/03/2014 - E' stato pubblicato il nuovo prezzario della Regione Piemonte per opere e lavori pubblici valevole per il 2014 (BUR n.13 S.O. n.2 del 27/03/2014) grazie anche alla collaborazione, ormai attiva da diversi anni, tra la Regione e diversi soggetti di rilevanza pubblica e privata operanti nel settore.


Il consumo di suolo in Italia

28/03/2014 - Non accenna a diminuire, anche nel 2012, la superficie di territorio consumato: ricoperti, negli ultimi 3 anni, altri 720 km2, 0,3 punti percentuali in più rispetto al 2009, un’area pari alla somma dei comuni di Milano, Firenze, Bologna, Napoli e Palermo. In termini assoluti, si è passati da poco più di 21.000 km2 del 2009 ai quasi 22.000 km2 del 2012, mentre in percentuale è ormai perso irreversibilmente il 7,3% del nostro territorio. Ma non è solo colpa dell’edilizia. In Italia si consuma suolo anche per costruire infrastrutture, che insieme agli edifici ricoprono quasi l’80% del territorio artificiale (strade asfaltate e ferrovie 28% - strade sterrate e infrastrutture di trasporto secondarie 19% - edifici 30%) e parcheggi, piazzali e aree di cantiere (14%). Questi alcuni dei dati contenuti nel Rapporto ISPRA 2014 sul consumo di suolo in Italia.


Lotta alla corruzione. La Commissione europea riconosce anche ITACA tra le buone pratiche sul fenomeno della corruzione e delle mafie.

18/03/2014 - Il 3 febbraio 2014, la Commissione europea ha presentato al Consiglio e al Parlamento una relazione sul fenomeno della corruzione, nella quale viene segnalata anche ITACA, nell'allegato dedicato all'Italia, tra le buone pratiche in materia di prevenzione e contrasto al fenomeno della corruzione e alle mafie.


Atti del seminario CINSEDO sulla direttiva 2012/27/EU in materia di efficienza energetica

15/11/2013 - Si è svolto oggi il primo dei quattro seminari sulle politiche europee promossi e organizzati dal CINSEDO (Centro interregionale studi e documentazione) dedicato a: “Direttiva 2012/27/UE in materia di efficienza energetica: obiettivi europei, recepimento e attività di supporto della Commissione europea”. Relatrice del seminario è Claudia Canevari - Vice capo Unità DG ENER – Commissione europea.


archivio >>

rss Rassegna stampa

28/07/2014 - Il Messaggero L'edilizia unico motore del mercato interno

28/07/2014 - Gazzetta del Sud Lo "scippo" al Sud . Dai fondi per il Ponte ai finanziamenti Fas

28/07/2014 - La Sicilia Cutrona (Cgil): "l'inattività del Cantiere aggrava le ripercussioni sull'economia"

28/07/2014 - La Provincia di Sondrio La nuova statale e la vicenda corsie . No ad altri errori

28/07/2014 - La Repubblica Arriva lo "sblocca Italia" permessi edilizi più facili e grandi opere accelerate fuori le imprese in ritardo

archivio >>