rss Primo Piano

Seminario di approfondimento APPALTI PUBBLICI: LE NOVITA’ DEL DECRETO “SBLOCCA CANTIERI”

Ad un mese dalla pubblicazione del decreto “sblocca cantieri”, la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome e ITACA, in collaborazione con la Direzione Generale per la Regolazione e i contratti pubblici del Ministero delle infrastrutture e trasporti, hanno organizzato una giornata seminariale di approfondimento rivolta al personale delle regioni e dei provveditorati alle opere pubbliche. L'evento, che potrà essere seguito anche in modalità webinar, ha l’obiettivo di fornire un utile aggiornamento tecnico operativo sulle novità introdotte dal D.L.32/2019 che ha apportato alcune modifiche sostanziali al contratti dei pubblici. Il programma della giornata prevede due sezioni, la prima, durante la mattina tratterà le seguenti tematiche: appalti sotto soglia, inversione procedimentale, nuovo rito appalti, nuovi criteri di calcolo dell’anomalia, sospensione della terna dei subappaltatori. Nel pomeriggio, invece, con il coordinamento del Presidente della Commissione IMGT della Conferenza delle Regioni, si terrà una tavola rotonda alla quale prenderanno parte i rappresentanti delle associazioni di categoria, sindacati e professionisti.


Pubblicata la prassi di riferimento UNI/PdR 13:2019 “Sostenibilità ambientale nelle costruzioni – Strumenti operativi per la valutazione della sostenibilità”

Pubblicata la prassi di riferimento UNI/PdR 13:2019 “Sostenibilità ambientale nelle costruzioni – Strumenti operativi per la valutazione della sostenibilità”, frutto della collaborazione tra UNI, Ente Italiano di Normazione e ITACA, Istituto per l’Innovazione e la Trasparenza degli Appalti e Compatibilità Ambientale. La prassi di riferimento permette di formulare un giudizio sintetico sulla performance globale di un edificio, assegnando un punteggio indicativo del livello di sostenibilità ambientale. È quindi un utile strumento per il progettista, di controllo e di indirizzo per la pubblica amministrazione, e di supporto alla scelta del consumatore.


Gestire la domanda pubblica come leva d’innovazione

Dopo Roma e Milano, si è tenuta il 9 luglio scorso presso l’Unione industriali Napoli la terza tappa del roadshow sul tema della domanda pubblica come leva di innovazione, organizzato da Confindustria, Agid (Agenzia per l’Italia Digitale), Conferenza delle Regioni e delle Province autonome e ITACA. Si è voluto dare un segnale sulla prosecuzione della collaborazione pubblico-privato su questi temi, dando evidenza che le sinergie attivate hanno reali prospettive di successo con un impatto determinante in tema di politica industriale. È emerso in modo forte l’intento di creare un vero e proprio ”ecosistema dell’innovazione”, dove ogni attore delle politiche a sostegno della domanda pubblica di innovazione possa avere un ruolo specifico. Il segnale che la sfida in atto si stia concretizzando è la sottoscrizione dell’accordo Mise-Agid con il quale verranno attivati, a breve, i 50 mln di euro messi a disposizione dal Mise per l’avvio degli appalti innovativi. Di particolare interesse per le imprese il ruolo di “innovation broker”, che assumerà Confindustria per favorire quelle condizioni per fare nascere partenariati industriali che sono il presupposto fondamentale per poter sviluppare soluzioni innovative, sollecitate con la domanda pubblica.


Appalti, al via il Portale unico nazionale per gare e programmazione

Da oggi è operativo il Portale unico per la pubblicità delle gare e dei programmi di lavori, beni e servizi del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, grazie al quale, con un solo clic, sarà possibile avere una panoramica di tutte le gare di appalto in corso in Italia, sia a livello nazionale che regionale. Il portale è l’esito del progetto di cooperazione applicativa per la realizzazione del Sistema a rete Mit/Regioni e Provincie autonome, ed è stato realizzato grazie alla collaborazione tra la Direzione generale per la regolazione e i contratti pubblici del Mit, gli Osservatori regionali e provinciali dei contratti pubblici ed ITACA. Il portale rende possibile, con la consultazione di una unica piattaforma a livello nazionale, semplificare gli obblighi informativi a carico delle stazioni appaltanti e migliorare sia la trasparenza che la diffusione dei dati e delle informazioni relative a bandi, avvisi ed esiti di gara e alla programmazione di lavori, beni e servizi. Una grande novità di trasparenza non solo per gli operatori del settore ma anche per i singoli cittadini. Il tutto a portata di clic. Nel corso delle prossime settimane sarà pienamente operativa la cooperazione applicativa tra la piattaforma SCP e le piattaforme regionali per l'interscambio dei dati, che permetterà l'interrogazione della banca dati nazionale.


I risultati del Piano Nazionale di formazione delle Stazioni Appaltanti

Lo scorso 10 maggio, presso la Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, ITACA ha presentato i risultati del Piano Nazionale di formazione delle Stazioni Appaltanti. Un percorso avviato nel 2016 con la sottoscrizione di un Protocollo d’intesa tra ITACA, la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, il Dipartimento per le Politiche Europee, l’Agenzia per la Coesione Territoriale e la Scuola Nazionale dell’Amministrazione. Progetto richiamato quale caso studio nell’ambito della Raccomandazione della Commissione Europea in materia di professionalizzazione degli appalti.


Sostenibilità ambientale nelle costruzioni: consultazione pubblica per la futura prassi di riferimento

È iniziato il periodo di pubblica consultazione del progetto di UNI/PdR “Sostenibilità ambientale nelle costruzioni – Strumenti operativi per la valutazione della sostenibilità”. Il Tavolo ITACA-UNI ha approvato l’aggiornamento delle prime due sezioni della UNI/PdR 13, che erano state pubblicate nel 2015 e una nuova sezione dedicata agli edifici non residenziali. L'aggiornamento deriva essenzialmente dalla necessità di adeguare lo strumento alle novità relative alla normativa tecnica e all’introduzione dei Criteri Ambientali Minimi per l’affidamento di servizi di progettazione e lavori per la nuova costruzione, ristrutturazione e manutenzione di edifici pubblici e si colloca nel quadro generale di sostegno alle amministrazioni pubbliche ed ai cittadini che da sempre ispira l'attività dell'Istituto. Frutto della collaborazione ITACA-UNI, il progetto di UNI/PdR è ora sottoposto alla fase di consultazione pubblica, con scadenza il prossimo 14 aprile, al fine di raccogliere le osservazioni da parte dei vari stakeholders.


archivio >>

rss News

ITACA partecipa al convegno - Nuove prospettive per un'edilizia pubblica sostenibile -

11/06/2019 - La Camera di Commercio di Milano, Monza, Brianza, Lodi ha organizzato un convegno a Milano presso la propria sede per il giorno 19/06/19 dal titolo "Nuove prospettive per un'edilizia pubblica sostenibile - L'applicazione dei Criteri Ambientali Minimi". ITACA interverrà descrivendo il lavoro di adattamento del Protocollo (che a breve diventerà la PDR UNI 13:2019) a quanto disposto dai CAM edilizia.


Conclusa a Scilla la Conferenza Internazionale SBE 2019

21/05/2019 - Si è conclusa venerdì scorso la Conferenza Internazionale SBE 2019 Sustainable Built Environment. Durante il dibattito sono stati affrontati temi di interesse anche per le possibili ricadute sul Protocollo ITACA quali l'integrazione dei sistemi di valutazione nelle politiche e nei processi decisionali delle autorità pubbliche nell'ottica della valutazione della sostenibilità dell'ambiente urbano costruito di fronte ai cambiamenti climatici; si è parlato anche dell'uso di sistemi di valutazione negli appalti pubblici, nei programmi di finanziamento, nei regolamenti, nei piani urbanistici e nelle politiche basate sugli incentivi. Numerosi gli interventi anche sulle strategie per l'armonizzazione dei sistemi di valutazione pubblica a livello di edifici, ambito urbano e ambito territoriale. Per ulteriori informazioni e per maggiori dettagli sugli interventi dei relatori si veda al seguente link: https://www.sbe19scilla.org/index.php


Conferenza del ciclo SBE (Sustainable Built Environment) a Scilla dal 16 al 17 maggio 2019

10/01/2019 - La Regione Calabria ospiterà, dal 16 al 17 maggio 2019, una delle Conferenze del ciclo SBE (Sustainable Built Environment). Il ciclo SBE 2018-2020 prevede 15 conferenze nazionali a Taiwan, Eindhoven, Valletta, Weimar, Helsinki, Praga, Milano, Graz, Cardiff, Temuco (Cile), Salonicco, Tokio, Sydney, Istambul e Scilla; una conferenza Mondiale in Svezia a Gothenburg nel 2020. Il focus della Conferenza SBE19 Scilla sarà incentrato su politiche, programmi e piani d'azione mirati a migliorare la sostenibilità dell'ambiente costruito. Durante il dibattito saranno affrontati temi di grande interesse: l'integrazione dei sistemi di valutazione nelle politiche e nei processi decisionali delle autorità pubbliche; l'uso di sistemi di valutazione negli appalti pubblici, nei programmi di finanziamento, nei regolamenti, nei piani urbanistici e nelle politiche basate sugli incentivi; le strategie per l'armonizzazione dei sistemi di valutazione pubblica a livello di edifici, ambito urbano e ambito territoriale. Ulteriori informazioni e il tool per l’abstract submission sono disponibili al seguente link: https://sbe19scilla.org/index.php


Pubblicato il manuale operativo per gli acquisti verdi relativamente alla progettazione, realizzazione e ristrutturazione di edifici con criteri di sostenibilità.

22/11/2018 - Il manuale, realizzato nell’ambito delle attività per la promozione del Green Public Procurement del progetto PREPAIR (LIFE 15 IPE IT 013) finanziato dal programma LIFE 2014-2020 dell’Unione Europea, è stato redatto da Regione Emilia-Romagna, Regione Friuli Venezia-Giulia, Regione Piemonte, Regione Veneto, Provincia autonoma di Trento, Comune di Bologna, Arpae ed ERVET Spa ed è una guida per le stazioni appaltanti nell'applicazione dei CAM Edilizia (DM 11/10/17). Nella prima sono descritte le disposizioni introdotte dal nuovo Codice appalti per promuovere la sostenibilità ambientale di una procedura di gara; la seconda parte comprende una sintesi e le indicazioni operative per le stazioni appaltanti per spiegare al meglio l’ambito di applicazione del CAM edilizia, i contenuti specifici e i mezzi di prova ammissibili.


archivio >>

rss Rassegna stampa

30/09/2017 - Il Sole 24 Ore - Edilizia e Territorio Codice, passi avanti nei decreti per progettazione e piani Pa

27/09/2017 - Corriere della Sera Grandi opere i soldi ci sono perchè non li spendono? ripresa fragile

25/09/2017 - Corriere della Sera Senza le infrastrutture sarà una ripresa zoppa

23/09/2017 - La Repubblica Pedemontana serve il via libera dal governo

22/09/2017 - La Repubblica Diga Foranea, avanti tutta sul progetto patto Delrio e Signorini per l'opera

archivio >>